TerraFerma

TIBET

Un viaggio sul tetto del mondo nel cuore delle grandi montagne. Tibet e Nepal esercitano un fascino particolare nel nostro immaginario. Qui sono nate le filosofie della mente e del corpo che sono la base della vita di questi popoli che coltivano l'amore per l’uomo e il legame con la propria energia spirituale.

Tour
dal 22 mag. al 5 giu. 4.390 €

TashidelekTIBET
viaggio tra cultura, popoli e natura
Everest e Festa del Saga Dawa
dal 22 maggio al 5 giugno 2018

Quota base a persona 4.390 euro incluse tasse aeroportuali
Accompagnati da Giovanni Miceli    


Il viaggio che ci appresteremo ad affrontare in Tibet avrà un duplice scopo: la conoscenza del territorio, supportata dalla visita dei luoghi più interessanti e  ancora più importante sarà l'aspetto antropologico.
L'uomo ricopre un ruolo predominante nella società tibetana e la sua vita è caratterizzata da uno stile alquanto particolare legato alla filosofia buddista. I tibetani, ancora oggi, vivono il buddismo come pratica di vita e questo ne condiziona profondamente la cultura e la quotidianità. Pensiamo che non avrebbe senso un viaggio in Tibet senza entrare in contatto diretto con chi dedica la propria anima e il proprio corpo alla cultura buddista.
Nel corso del nostro viaggio saranno previsti una serie di incontri con monaci e monache che dedicheranno una parte del loro tempo per parlare con noi e aiutarci a capire meglio il mondo in cui ci stiamo muovendo.
Non potremo altrimenti capire un mendicante se non ne conosciamo la filosofia.
Non potremo capire il senso della prostrazione se non ne conosciamo il significato più intimo.
Non potremo capire il motivo per cui i tibetani trascorrono buona parte del tempo facendo girare le ruote della preghiera se non ne conosciamo il senso più profondo.
Saremo sempre avvolti nella maestosa cornice delle montagne himalayane, tra pascoli, laghi sacri e villaggi dei nomadi Drogpa che ancora oggi seguono i loro yak tra le vette. Con un cielo mai così azzurro.

“Parla poco, e ad ogni modo, quello che hai da dire esaminalo prima nel tuo cuore”

(Tibetan proverbs di Lhamo Pemba)

1° giorno 22 maggio  volo ITALIA - KATHMANDU
2° giorno 23 maggio  KATHMANDU
3° giorno 24 maggio  KATHMANDU
4° giorno 25 maggio  KATHMANDU – PATAN - BHAKTAPUR
5° giorno 26 maggio  volo KATHMANDU - LHASA
6° giorno 27 maggio  LHASA
7° giorno 28 maggio  LHASA
8° giorno 29 maggio  LHASA - NAM TSO Lake
9° giorno 30 maggio  NAM TSO - SHIGATSE
10° giorno 31 maggio  SHIGATSE - SHEGAR
11° giorno 1 giugno  SHEGAR – EVEREST BASE CAMP
12° giorno 2 giugno  EVEREST BASE CAMP - KYRONG
13° giorno 3 giugno  KYRONG - NUWAKOT
14° giorno 4 giugno  NUWAKOT - KATHMANDU
15° giorno 5 giugno volo KATHMANDU - ITALIA


OPERATVI VOLO Oman Air da Milano
22 maggio Milano - Muscat  22.15  06.50 
23 maggio Muscat - Kathmandu  08.35  14.20  
5 giugno Kathmandu - Muscat  09.30  12.05  
5 giugno Muscat - Milano  14.25  19.35


VOLO KATHMANDU – LHASA
Operato da Air China o Sichuan Airlines, orario da definire

QUOTA BASE 4.390 euro incluse tasse aeroportuali

 

LA QUOTA COMPRENDE
Voli aerei Milano – Kathmandu con Oman Air (franchigia bagaglio 30 kg)
Volo Kathmandu – Lhasa
Tutte le tasse aeroportuali
Guida locale parlante inglese
Accompagnatore dall’Italia
Permesso d’ingresso in Tibet
Pensione completa durante il tour
Pernottamento e prima colazione a Lhasa e Kathmandu
Picnic Tibetano a Lhasa
Tutti i trasferimenti con minivan Toyota 15 posti
Tasse di ingresso ai monumenti, luoghi di culto e parchi nazionali
 

LA QUOTA NON COMPRENDE
Assicurazione annullamento viaggio 72 euro
Visto di ingresso Cina 105 usd da pagare in loco
Visto di ingresso Nepal 40 usd da pagare in loco
Eventuale adeguamento dollaro
Pranzi e cene a Lhasa e Kathmandu
Extra di carattere personale
Mance

SUPPLEMENTI E RIDUZIONI
Supplemento camera singola 450 euro
Supplemento partenza da altri aeroporti su richiesta

CAMBIO DOLLARO
Quote calcolate con cambio dollaro a 1 euro = 1.10 usd e soggette ad adeguamento valutario in caso di oscillazioni uguali o maggiori al 3%.
L’eventuale adeguamento verrà comunicato a un mese dalla partenza e sarà riferito alle date di pagamento dei servizi in dollari da parte dell’organizzatore.

PENALI ANNULLAMENTO

25% della quota fino a 90 gg di calendario prima della partenza
50% della quota da 89 a 60 gg di calendario prima della partenza
90% della quota da 59 a 30 gg di calendario prima della partenza
100% della quota dopo tali termini

1° giorno 22 maggio  volo MILANO - KATHMANDU
Ritrovo a Milano Malpensa e partenza per Kathmandu, via Muscat. Notte a bordo.

2° giorno 23 maggio KATHMANDU
Volo Muscat – Kathmandu e arrivo a Kathmandu nel pomeriggio. Trasferimento presso Tibet Hotel o similare.
Pernottamento

3° giorno 24 maggio KATHMANDU
Escursione a Swayambunath, la collina sacra dalla quale, racconta la leggenda, ha avuto origine la valle di Kathmandu. Saliamo i 360 gradini fra le bandierine di preghiera e i pellegrini per raggiungere l’antico stupa. Rientro a Kathmandu per la visita del centro storico della capitale: il Palazzo Reale Hanuman Dokha; la Casa-Tempio della Kumari, la “Dea Vivente”; il Tempio di Mahadev e Parvati. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio si procede per Patan, la “città della bellezza”, antica capitale del regno, dove la maestria degli artisti newari raggiunge il massimo splendore. Pernottamento in hotel.

4° giorno 25 maggio KATHMANDU (circa 60 km in totale)
Dopo la prima colazione si parte per Bhaktapur, la “città dei devoti”, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, che regala con la sua atmosfera medioevale intatta nei ritmi, nelle preghiere, nei canti sacri, emozioni indimenticabili. Visita della cittadina: le antiche piazze, il quartiere dei vasai, l’importante tempio a cinque piani di Nyatapola, Durbar Square. Si prosegue per Pashupatinath, luogo sacro per gli induisti, meta di pellegrini da tutta l’Asia; dedicato a Shiva è il centro delle cremazioni sul sacro fiume Bagmati, affluente del Gange. Nel tardo pomeriggio rientro a Kathmandu. Pernottamento in hotel.

5° giorno 26 maggio KATHMANDU – LHASA volo
In mattinata trasferimento in aeroporto per volo su Lhasa. Arrivo e trasferimento presso Yabshi Phunkhang Hotel, una struttura Heritage a gestione diretta di nostri amici tibetani. Pernottamento

6° e 7° giorno 27 e 28 maggio LHASA
La città di Lhasa, oltre che capoluogo dello Xizang, è indiscutibilmente la città “sacra” per eccellenza per i buddisti di tutto il mondo. Si trova a 3.600 metri di altitudine adagiata nella vallata del fiume Yarlung, nel pieno del plateau tibetano. Lhasa è incorniciata da alte vette che rendono lo scenario magico. Il cuore antico e più tibetano della città è stato “circondato” dagli interventi urbanistici cinesi, che hanno ampliato il territorio portando la popolazione a circa 500.000 abitanti. Centro pulsante di Lhasa è la piazza del Barkhor, simbolo autentico e vivo della cultura e del folclore tibetano. E’ un tripudio di costumi, acconciature, gioielli e abiti di tutte le regioni del Tibet. Pastori dell’Amdo e del Kham compiono qui il pellegrinaggio, il tempio del Jokhang ospita le loro prostrazioni e le preghiere. Non si può descrivere a parole l’atmosfera che si respira, bisogna viverla per diventarne parte. Le viuzze del vecchio mercato sono lo specchio della vita vera: botteghe di artigiani, macellai e venditori di formaggio e burro. Nella sala da the si può percepire l’atmosfera serena e genuina del popolo e vivere la loro ospitalità. Visiterete poi il monastero femminile di Hani Tsankhung, accolti dal sorriso delle monache in particolare di sorella Ani Ladhun; passeggiando per il Barkhor assisterete a un teatro vivente che non ha uguali al mondo. Da non perdere infine la visita al famoso palazzo del Potala, residenza del Dalai Lama e per secoli centro del potere religioso del paese. Le infinite sale al suo interno hanno visto susseguirsi i governi dei Lama, fino agli anni dell’invasione cinese. Al monastero di Sera (o di Drepung secondo possibilità) con un po’ di fortuna, si potrà assistere al dibattito filosofico dei monaci studenti, uno scambio verbale molto intenso sui concetti principali del buddismo e della vita. Visita al monastero di eremitaggio di Drak Yerpa, un luogo surreale dove monaci eremiti vivono nelle caverne scavate nella roccia. Comunque la permanenza a Lhasa lascerà in tutti un segno vivo e penetrante, il ricordo di persone diverse da noi ma con un sorriso che non si può dimenticare. Pernottamenti presso Yabshi Phunkhang Hotel.

8° giorno 29 maggio LHASA - NAM TSO Lake (250 km circa 4 ore)
Partenza verso il sacro lago Nam Tso, circa 3 ore da Lhasa. La bellezza e l’atmosfera che qui si respirano sono uniche. Nel lago è proibito bagnarsi, pescare o navigare in quanto è luogo di culto e meta di pellegrinaggio per tutti i fedeli buddisti. Come unica compagnia ci saranno le tende dei drogpa, popolazione nomade di allevatori di yak. Pernottamento presso Damxung Guesthouse.

9° giorno 30 maggio NAM TSO – SHIGATSE (300 km circa 6 ore)
Trasferimento fino a Shigatse dove ha sede il monastero del Tashilumpo, uno dei più attivi di tutto il Tibet. E’ come una piccola città con al suo interno una vita propria. Nel periodo in questione, quello del Saga Dawa, è ricolmo di pellegrini che girano intorno al kora del tempio principale. Uno spettacolo da togliere il fiato. All’uscita visita del locale mercato, molto colorato e ricco di spunti per lo shopping. Pernottamento al Gesar Hotel.

10° giorno 31 maggio SHIGATSE – SHEGAR (240 km circa 4 ore)
Trasferimento a Shegar lungo una spettacolare strada panoramica da cui si può ammirare il massicio dello Shishapangma che supera gli 8.000 metri. Attraverseremo famosi e altissimi passi di montagna, nella nostra marcia di avvicinamento alla vetta più alta del mondo.
Pernottamento presso Shegar Hotel o similare.

11° giorno 1 giugno SHEGAR – EVEREST BASE CAMP (110 km 2 ore e 30)
Partenza per il campo base. Tempo a disposizione per ammirare la vetta più celebre al mondo (in lingua tibetana “Qomolangma”). Se le nuvole lo permettono la vista sul massiccio è a dir poco spettacolare. Visita del monastero di Rongpuk.
Nota bene: per l’ultimo tratto di circa 4 km è necessario scendere dalla jeep e utilizzare un pullman governativo a disposizione di tutti i turisti che raggiungono il campo base. Regola sempre passibile di modifiche senza preaavviso.
Pernottamento alla Rongbuk Guesthouse

12° giorno 2 giugno EVEREST BASE CAMP – KYRONG (circa 6 ore)
Di primo mattino partenza dal Campo base, attraversando la Kyrong valley con verdi distese e la vecchia Tingri con vista sul massiccio dello Shishapangma. Pernottamento presso Kyrong Hotel.                                   

13° giorno 3 giugno KYRONG – NUWAKOT (circa 5 ore)
Colazione in ristorante nepalese, non in hotel dove servono solo colazione cinese..Oggi si attraversa il confirne Tibet – Nepal, sbrigando le ultime formalità. Lasceremo la nostra guida tibetana per otrnare con la guida nepalese dall’altro lato del ponte sul fiume che segna il confine. Attraverseremo il Langtang trek, famoso per la sua eccellente vista sulle montagne himalayane. Pranzo lungo la strada e in tardo pomeriggio arrivo al Famous Farm Resort di Nuwakot e pernottamento.

14° giorno 4 giugno NUWAKOT – KATHMANDU (circa 3.30 ore)
A Nuwakot hanno sede molti edifici in stile tipicamente nepalese come il Nuwakot Darbar, ex sede del re Prithvi, con vista sui villaggi rurali abbarbicati sulle pendici delle montagne circostanti. Lungo la strada visita al Bhairavi Temple e arrivo in serata a Kathmandu. Pernottamento presso Tibet Hotel o similare.

15° giorno 5 giugno volo KATHMANDU - ITALIA
In prima mattina trasferimento in aeroporto per volo su Milano, via Muscat. Arrivo in serata.

GIOVANNI MICELI
Nato il 31 ottobre 1973. Ho studiato psicologia e sono laureato in pianoforte classico. Per anni ho insegnato questa affascinante materia. Ho suonato per professione, insegnato per vocazione e viaggiato per passione. Oggi suono per piacere personale e viaggio per professione. O meglio organizzo viaggi e accompagno persone alla scoperta di luoghi meravigliosi e unici. Per diversi anni mi sono dedicato quasi esclusivamente ai viaggi subacquei in Mar Rosso, Maldive, Costa Rica e Indonesia. Oggi ho finalmente messo "la testa" fuori dall'acqua visitando soprattutto paesi con un alto contenuto antropologico come l'Etiopia e il Tibet. Per me il viaggio è scoperta, curiosità, condivisione e arricchimento. Le sorprendenti culture che incontriamo durante le nostre spedizioni hanno tanto da insegnarci. Viaggiare apre la mente e rende liberi e per questo, quando possibile, porto con me la mia bambina. Mi piace pensare che da ogni viaggio tutti possano portare a casa insegnamenti utili a una crescita personale e sociale. Fotografando, scrivendo ma soprattutto usando gli occhi e il cuore.

CONVOCAZIONE IN AEROPORTO è prevista 3 ore prima dell'orario di partenza del volo. Nel foglio di convocazione sono indicate le modalità per la presentazione ai banchi di accettazione e i dati relativi al volo (orario, sigla e numero). Chi dovesse perdere l'aereo a causa di un ritardo nella presentazione in aeroporto non avrà diritto ad alcun rimborso.
Consigliamo di munirsi di fotocopia dei biglietti aerei, nel caso di smarrimento dell'originale, potrà essere utilizzata anche la copia trattandosi di biglietti elettronici.
BAGAGLI La franchigia per i voli intercontinentali è di 30 Kg. Franchigia bagaglio a mano è 7 Kg. Eventuali variazioni orario volo intercontinentale vi saranno comunicate dall'operatore.

VISTI I viaggiatori che entrano in Tibet dal Nepal in aereo o via terra hanno bisogno del visto cinese che si ottiene esclusivamente presso l’agenzia incaricata dall'Ambasciata cinese di Kathmandu. All’atto della prenotazione i viaggiatori devono inviare all’organizzazione la scansione del passaporto (pagina con i dati anagrafici). E’ necessario presentare in loco passaporto e 2 fototessera da consegnare al capogruppo.
Il visto per l’ingresso in Nepal invece è rilasciato all'aeroporto di Kathmandu presentando all’arrivo: passaporto, 1 foto tessera a colori per persona/per ingresso.
Riassumendo: portare in viaggio 4 fototessere a colori e 145 usd per i visti/permessi d’ingresso. L'organizzazione non si assume alcuna responsabilità nel caso d’impossibilità a partire o a entrare nel paese di destinazione a causa di documenti non corretti.

TIBET PERMIT Il permesso d’ingresso verrà consegnato dal nostro referente locale all’arrivo a Lhasa in Cina. Dovrà essere conservato con cura ed esibito ove richiesto, a cura del capogruppo.

BORSA DA VIAGGIO Consigliamo vivamente di utilizzare una sacca morbida, più facile per lo stivaggio, evitando valigie rigide.

VACCINAZIONI Al momento nessuna vaccinazione è richiesta o consigliata per entrare in Tibet e Nepal. Consigliamo di bere acqua in bottiglia e osservare le comuni norme d’igiene.

COMUNICAZIONI Per telefonare dal Tibet all’Italia si dovrà comporre lo 0039, seguito dal prefisso italiano con lo 0 e il numero desiderato. Per telefonare dall’Italia al Tibet si dovrà comporre lo 0086 seguito dal numero desiderato. La copertura per la rete cellulare è presente nelle maggiori città e anche in alcune zone remote. A Lhasa sono presenti diversi Internet Point ed è possibile utilizzare Skype. Possibile inoltre comunicare con l'Italia da telefoni pubblici al costo di circa 50 centesimi al minuto. Vietato per gli stranieri acquistare una sim card locale.
Per telefonare dall’Italia al Nepal comporre il prefisso 00977.

FUSO ORARIO La differenza con l’Italia è di +7 ore (+6 quando in Italia è in vigore l’ora legale).
In Cina e Tibet è in vigore l’ora di Pechino.
Il Nepal è 4.45 ore avanti rispetto all’Italia ( 3.45 in caso di ora legale)

MONETA LOCALE In Nepal ha corso legale la rupia, 1 Euro = circa 122 rupie. La moneta in corso di validità in tutta la Cina è lo Yuan, 1 euro = 8 yuan circa. Il cambio Euro/yuan verrà effettuato all’arrivo a Lhasa senza problemi dal nostro corrispondente locale. Per facilitare i pagamenti di pasti non compresi nel programma e altre piccole spese comuni il tour leader terrà per tutti i partecipanti una cassa comune che gestirà per tutto il viaggio al fine di evitare fastidiosi conteggi e cambi. Verrà tenuto un resoconto dettagliato ed eventuali differenze verranno comunicate alla fine del tour. La cifra esatta verrà comunicata prima della partenza.
Non sono compresi nella cassa comune acquisti e spese strettamente personali che verranno gestiti in piena autonomia da ogni partecipante. Sarà possibile cambiare valuta anche a Lhasa secondo necessità.
Portare dollari americani di piccolo taglio solo per le spese di rilascio visti in arrivo a Kathmandu, per il resto portare euro.

VOLTAGGIO La corrente in Tibet e Nepal è 220 volts. Si consiglia di munirsi di adattatore universale, anche se in molti hotel vi sono prese di tipo europeo. I black out sono possibili soprattutto fuori dalle principali città, molto utile disporre comunque di una torcia elettrica.

FOTOGRAFIA E VIDEO E' vietato riprendere: aeroporti, ponti, installazioni militari e militari cinesi in divisa. Altri suggerimenti verranno via via forniti dalle nostre guide. Per fotografare persone comuni e monaci è buona norma chiedere sempre prima un loro consenso, che quasi mai verrà negato. Materiale fotografico di fabbricazione cinese è reperibile a Lhasa ma si consiglia vivamente di portare con sé tutto il necessario, prevedendo anche una scorta di batterie. Sarà possibile ricaricare l’attrezzatura in tutti gli alberghi. Il vento in altura rende l’aria spesso polverosa, per il trasporto delle attrezzature è utile munirsi di appositi sacchetti stagni di protezione. A volte, in alcuni monasteri, è richiesto il pagamento di una tassa per poter fotografare. Per i video operatori questa tassa è abbastanza elevata. Sarà premura delle nostre guide segnalare caso per caso. In alcuni monasteri, come ad esempio l’interno del Potala e del Johkang è vietato fotografare.

HOTELS Grazie ad una accurata ricerca abbiamo individuato hotel di buona categoria paragonabili agli standard europei. Le camere sono pulite, spaziose e dotate di acqua calda, televisione e frigobar dall’Italia il proprio sacco a pelo.

CLIMA Il clima himalayano nel periodo di viaggio previsto è molto gradevole.
La temperatura massima diurna può raggiungere i 30 gradi per scendere tra 0 e 5 gradi durante la notte. L’escursione termica è notevole ma varia in base all’altitudine. Da considerare la presenza del vento, abbastanza costante a queste quote. Nei mesi di luglio e agosto sono possibili scrosci di pioggia, prevalentemente notturni. I mesi estivi sono l’unico periodo dell’anno in cui i monsoni delle pianure nepalesi e indiane riescono in parte a scavalcare la catena himalayana.
Man mano che si scende di quota fino ai 1.300 metri di Kathmandu il clima si fa più umido e più caldo, fino a superare i 30 gradi nelle vallate nepalesi. Possibili brevi acquazzoni notturni.

ABBIGLIAMENTO Consigliato lo stile “a cipolla” in modo che ci si possa facilmente coprire e scoprire secondo la zona in cui ci si trova. Per gli indumenti personali si consigliano intimo in cotone, calze in cotone e in lana, maglie a maniche corte e lunghe in cotone, pantaloni lunghi comodi e robusti, un paio di pantaloni corti, felpa e maglione pesante. Utilissima una buona giacca vento (meglio se sfoderabile) non troppo pesante e indumenti in pile. Cappello, k-way e un buon paio di scarpe da trekking. Burro cacao e crema idratante (il vento può essere molto secco e polveroso), crema solare protettiva e occhiali da sole.

MEDICINE Portare i medicinali di uso personale, inoltre è sempre bene avere un analgesico comune, un antipiretico, antidiarroico tipo Dissenten, fermenti lattici, cerotti e disinfettante. A Lhasa sono disponibili le comuni medicine ed è presente un buon ospedale.

TRASFERIMENTI Gli spostamenti da una località all’altra saranno l’essenza di questo viaggio. Verranno effettuati a bordo di un comodo pulmino Toyota da 15 posti su strade asfaltate o sterrate ma comunque in buone condizioni ( tranne che per i tratti dal confine tibetano a Kathmandu dove le condizioni stradali possono essere peggiori). Non sono da considerare come semplici spostamenti ma al contrario da vivere con intensità in quanto offriranno scorci di vita e di panorami indimenticabili. L’autista e la guida sapranno suggerire i posti migliori dove sostare per incontri inattesi e ottime fotografie.

ALTITUDINE Va precisato che non sono paragonabili tra loro le altitudini in Europa e quelle in Tibet. Stare sulla cima del Monte Bianco a 4.800 metri è molto più impegnativo che sulle rive del lago Nam Tso alla medesima altezza.
Per acclimatarsi correttamente abbiamo previsto il passaggio da Kathmandu e i primi 3 giorni di permanenza a Lhasa a 3.600 metri di altitudine. Questo ci permetterà di proseguire meglio il nostro viaggio. Ad elevate altitudini i nostri movimenti saranno più lenti e faticosi, per questo è buona norma non sottoporre il fisico a sforzi eccessivi durante il viaggio. Al vostro arrivo in Tibet vi forniremo una particolare radice tibetana che contribuirà in modo assolutamente naturale a lenire eventuali sintomi del mal di montagna. E' necessario bere molta acqua (2-3 litri al giorno), mangiare poco e muoversi con molta calma senza affaticarsi.

CUCINA E BEVANDE La cucina tradizionale tibetana è tutta a base di yak: carne, formaggio, burro, yogurt e latte. Molto usata anche una farina d’orzo chiamata stampa. Coltivati in serra anche alcuni vegetali come le zucchine. Molto diffusa anche la cucina cinese tradizionale.
Sicuramente il viaggio in Tibet non sarà ricordato per l’ottima qualità del cibo!
Bevande disponibili sono acqua in bottiglia, birra locale (Lhasa beer) e vino cinese di scarsa qualità. Presenti anche le classiche bevande in lattina come Coca-Cola, Pepsi e Fanta. Da provare il the al burro di yak. La cucina nepalese è basata su riso, legumi e spezie, anche se sono molte le contaminazioni occidentali.

MANCE E’ buona norma lasciare la mancia per i servizi ricevuti presso hotel e ristoranti. Non esiste una quota fissa e spesso la mancia non viene nemmeno accettata. Sarà premura delle guide consigliarvi nel modo più adeguato a seconda delle situazioni.
La mancia suggerita per lo staff locale è di almeno 50 euro a persona, non compresa nella cassa comune in quanto ognuno potrà decidere quanto lasciare alla nostra guida in loco.

COSA E' MILLE BATTUTE?
MILLE Battute è un modo per raccontare il vissuto di un viaggio. Raccontarlo in modo semplice e lineare attraverso gli strumenti che ci sono più congeniali partendo da due punti fondamentali la CURIOSITA' di conoscenza e l'APPROFONDIMENTO delle culture.
Lo faremo coniugando gli strumenti di comunicazione del nostro tempo unitamente al mezzo di comunicazione più antico che esista ovvero la scrittura. La finalità di ogni viaggio, sarà quello di osservare con i nostri occhi la realtà che ci circonda per trasformarla in un racconto personale. In questo modo potremo imprimere nella nostra memoria ciò che abbiamo osservato e lo faremo in modo strettamente soggettivo perchè medesime situazioni verranno vissute, osservate e raccontate in modo diverso da ognuno di noi.
Il segreto di ogni lavoro sta nella CURIOSITA' che ognuno di noi ha tutte le volte che entra in contatto con situazioni che lo stimolano e che gli permettono di SPRIGIONARE la propria FANTASIA.
Al termine del viaggio ognuno avrà "scritto le sue storie".
Il compito dei nostri accompagnatori è quello di mettervi nella condizione di vivere direttamente la vita della gente che incontreremo lungo il cammino ... sarete poi voi con la vostra fantasia a decidere come raccontarle.
Perchè MilleBattute? Perchè 1000 battute è uno spazio ideale nel quale muoversi, nè troppo breve e neanche troppo lungo.
Scrivere, Fotografare, Disegnare, Riprendere… o anche solo Guardare con gli occhi
… o ancora meglio Ascoltare le proprie emozioni

Nei nostri viaggi non si corre per vedere di più ma ci si sofferma per vedere meglio!

Maggiori info sulla filosofia dei viaggi www.millebattute.com

SE NON SONO INTERESSATO AL PROGETTO 1000 BATTUTE?
Sarai sempre dei nostri, ognuno di noi viaggia secondo il proprio istinto: OSSERVARE è il vero valore aggiunto di chi sa viaggiare.

TIBET festa del Saga Dawa Partenza: dal 22 mag. al 5 giu.

Destinazioni Terra Ferma

Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
TIBET dal 22 mag. al 5 giu. 14 4.390 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
ETIOPIA Dancalia 26 dic. - 7 gen. 13 2.920 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
UGANDA 26/12/17 13 3.610 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
INDIA Rajasthan dal 30/3 al 8/4 - 1.630 € Alta
INDIA Ladakh 04/08/18 - 2.790 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
MAROCCO Sud 26 dic. - 5 gen. 11 1.485 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
BUCAREST porno bloc dal 16 al 19 marzo 3 150 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
UZBEKISTAN profumo della storia dal 28 giu. al 7 lug. - 1.470 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
deserti PERSIANI 01/10/18 - 2.750 € Alta
IRAN profumo antico marzo - dicembre - 2.760 € Alta
Destinazione Partenza Durata Prezzo Dispo
EGITTO lungo il Nilo 18/03/18 - 900 € Alta

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi