Gazzettino 42 Febbraio 2006

Editoriale

Copertina

In questi giorni siamo rimasti molto colpiti dai fatti accaduti al traghetto egiziano Salem Boccaccio proveniente dalle coste dell’Arabia Saudita e diretto a Safaga. Avevamo già vissuto in passato una situazione simile con l’affondamento del traghetto Salem Express e oggi a distanza di quindici anni eccoci di nuovo a parlare di tragedie che non dovrebbero accadere. Non sta a noi sentenziare e neanche esprimere opinioni ma vogliamo soltanto esprimere tutto il nostro cordoglio a tutte le famiglie che non sapranno nulla perché purtroppo da queste disgrazie, difficilmente verrà mai a galla la verità e comunque sia, sarà sempre una verità amara che non restituirà mai più le persone che oggi riposano in fondo al mare. Questo numero del Gazzettino sarà arricchito di una nuova rubrica dedicata sempre ai relitti del Mar Rosso ma quelle che cominceremo a raccontare sono le storie delle navi affondate e non ancora rinvenute. Molte di queste facevano parte della marina militare italiana durante la seconda guerra mondiale, quando parte della flotta della Regia Marina si trovava di stanza a Massaua in Eritrea, a quel tempo colonia italiana. Non essendo in possesso di documentazioni relative a queste navi, cercheremo di raccontarne le storie attraverso le testimonianze dei sopravissuti, grazie alle notizie recuperate presso l’archivio della Regia Marina Italiana e grazie soprattutto all’amico e storico Pietro Fagioli, fornitore di preziose informazioni che ci stanno permettendo di mettere insieme le informazioni. L’immersione del mese è la punta sud della grande isola delle Brother. Ci fa molto piacere segnalare il diario di bordo di questo mese che racconta la bellissima avventura di un nostro nuovo amico, Francesco Ricasoli e un gruppo di amici, nel lontano 1976 a bordo di tre gommoni, navigarono dalle coste sudanesi a quelle saudite per poi raggiungere Hurghada. Leggendo questa storia abbiamo rivissuto con la memoria vent’anni di lavoro in Ma Rosso, dove ancora oggi accadono le medesime situazioni. Buona lettura!


Copertina

Diario di Bordo 100 giorni nel Mar Rosso

Mar Rosso

Bella avventura quella che ci racconta Francesco Ricasoli, la storia di una spedizione avvenuta nel lontano 1976, quando un gruppo di amici, a bordo di tre gommoni navigarono dalle coste del Sudan a quelle saudite per poi raggiungere Hurghada in Egitto. Spedizioni d’altri tempi! leggi articolo


Navi Sommerse Macallè

Mar Rosso

Quella che descriviamo è la storia del sommergibile Macallè, di stanza a Massaua, nel Mar Rosso, in Eritrea, al tempo, territorio nazionale. Sin dall'inizio delle ostilità il suo scopo era di portarsi davanti a Port Sudan e mettersi in agguato del nemico ma qualcosa non andò per il verso giusto….. leggi articolo

Copertina

Copertina

Segnalibro Arabia deserta

Mar Rosso

Nel 1876 un giovane medico e poeta inglese innamorato dei popoli e della cultura del Medio Oriente decide di visitare un sito archeologico nascosto nel cuore dell’Arabia. Per raggiungerlo, non esita a travestirsi da pellegrino e a unirsi alla grande carovana di devoti che da Damasco si reca alle città sante dell’Islam. Comincia così l’odissea di Charles M. Doughty, turista clandestino che nessuna autorità può proteggere nella sua esplorazione di un mondo arcaico, violento e misterioso, in cui le regole di comportamento a lui note non valgono nulla. …… Un libro che racconta storie di un mondo, quello saudita, ancora oggi impenetrabile. leggi articolo


Reportage 100 giorni nel Mar Rosso

Mar Rosso

La spedizione di Francesco Ricasoli e del suo gruppo di amici, è stata pubblicata sulla rivista il Gommone con il titolo "100 giorni nel Mar Rosso". Riportiamo qui di seguito la pubblicazione di quello che oggi può essere considerato un articolo storico e prezioso considerando quanto sia difficile di questi tempi, realizzare simili imprese. leggi articolo

Copertina

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi