Immersioni

Sha'ab Claudio
Distanza dalla Costa 8 miglia
Corrente nulla
Sito Esterno reef affiorante isolato
Visibilità Media buona
Sito Sommerso medio - circolare
Difficoltà Media semplice
Inizio Immersione grotta con fondale sabbioso
Interesse grotte
Versante sud
Pelagici no
Profondità media e max da 0 a 15 metri
Notturna no
Ora Migliore ore centrali – pomeriggio
Snorkelling si

DESCRIZIONE GENERALE
Fu durante le prime ricerche effettuate nel 1991 che venne individuato questo reef che si trova nell’area di Fury Shoal. Gli venne attribuito il nome di sha’ab Claudio in onore di colui che per primo lo individuò. Da quel giorno sha’ab Claudio è diventata una delle immersioni più conosciute del Sud Egitto in quanto è caratterizzato da un dedalo di caverne comunicanti tra loro e illuminate dai raggi del sole che si insinuano al suo interno filtrando attraverso le spaccature presenti nella parte superficiale. L’ormeggio della barca avviene su un pinnacolo isolato posto sul versante sud. Sha’ab Claudio è stato il primo reef con queste caratteristiche trovato nel Mar Rosso Egiziano e per diversi anni anche l’unico. Naturalmente parliamo di un periodo in cui ancora si navigava alla scoperta dell’area meridionale del Sud Egitto.

PIANO IMMERSIONE
L’entrata in acqua avverrà direttamente dalla barca ormeggiata a poca distanza dalla parete sud del reef. Raggiunta la parete principale si nuoterà per pochi metri tenendola sulla sinistra fino ad incontrare una larga apertura che permetterà di accedere nel cuore del reef. Lo spettacolo all’interno è magico e surreale. Di fronte a noi si apre una ampia camera dove si potranno ammirare i giochi di luce dei raggi che penetrano dallo strato superficiale del reef. Sulle pareti vi sono isolati cespugli di corallo nero e piccoli alcionari. Dalla prima camera partono una serie di cunicoli comunicanti su un fondo di sabbia chiara a -10 metri di profondità che ci permetteranno di raggiungere altri spazi con medesime caratteristiche. E’ importante nuotare a mezz’acqua facendo attenzione a non sollevare la sabbia presente sul fondo. Sarà anche fondamentale un buon senso dell’orientamento per riportarsi verso l’uscita che potrà avvenire attraverso la stessa utilizzata per entrare, oppure attraverso un uscita presente sul versante opposto a nord. Nel secondo caso, una volta fuori, si seguirà la parete tenendola sulla destra. Il fondale a -25 metri è ricco di formazioni madreporiche dalle forme più svariate. Raggiunto il versante est, si incontra uno stretto canale con leggera corrente dove sono presenti un gruppo di anemoni con pesci pagliaccio. Proseguendo ci troveremo nuovamente sul versante meridionale dove vi sono altre formazioni coralline a -20 metri. Pochi metri ci separano dall’ormeggio della barca. Poco oltre l’ormeggio è presente un grosso ramo di corallo nero sulla parete principale esterna, sulla sinistra un isolato blocco madreporico con corallo uva. Nel corso di questa immersione non bisogna avere fretta, non è un luogo di grossi incontri ma sicuramente regalerà emozioni straordinarie.

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi