Immersioni

Erg Somaya
Distanza dalla Costa 8,5 miglia
Corrente media probabilità
Sito Esterno reef affiorante margine costa
Visibilità Media da media a buona
Sito Sommerso esteso - allungato
Difficoltà Media media
Inizio Immersione parete madreporica
Interesse pesce corallino, madrepore, grotte
Versante est
Pelagici squali barriera, barracuda, carangidi
Profondità media e max da 15 a 35 metri
Notturna no
Ora Migliore mattino
Snorkelling no

DESCRIZIONE GENERALE
Navigando verso nord lungo la parete orientale dell’isola di Giftun Seghir, superato il suo piccolo faro, si raggiunge il sito di Erg Somaya, caratterizzato da due splendide torri madreporiche e da una parete ricca di anfratti e grotte molto suggestive.

PIANO IMMERSIONE
L’immersione di Erg Somaya viene effettuata in drift seguendo la parete orientale che cade verticale a oltre 70 metri da nord a sud tenendola quindi sulla nostra destra. Apparirà una parete viva e ricca di spaccature, la più interessante è costituita da una piccola grotta a -30 metri di profondità con l’ingresso incorniciato da rami di corallo nero, all’interno si noteranno i pesci vetro che durante i loro cambi direzionali ci permetteranno di osservare i lenti Pterois Volitans immobili a mezz’acqua. Superato un vasto canalone sabbioso, si risale sul pianoro fino a raggiungere il primo pinnacolo che da -18 metri sale verso la superficie. Superata la torre si raggiungerà un secondo pinnacolo dalla particolare forma piramidale che s’innalza da -22 metri. Sono presenti ventagli di gorgonie, corallo nero e alcionacei. La fauna che popola Erg Somaya è rappresentata da moltitudini di pesci corallini come i branchi di lutianidi, triglie gialle, pesci angelo, ombrine e labridi che riempiono di vita ogni anfratto della barriera. Altra caratteristica di Erg Somaya è una splendida grotta a camino che si sviluppa verticale lungo la caduta esterna della barriera, a poca distanza dalla seconda torre, le cui aperture sono visibili a -22 e -30 metri. Nel corso dell’immersone non bisogna dimenticare di volgere lo sguardo verso il blu in quanto questa parete costituisce l’ambiente ideale per l’incontro con esemplari di pesce pelagico, come carangidi, barracuda e squali di barriera. Dopo aver ammirato i diversi aspetti naturalistici, si risale lungo la parete del reef principale, in corrispondenza della quale, è presente la boa d’ormeggio, dove sarà ad attenderci la barca.

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi