Diario di Bordo

SCU-BA ai Farasan Banks

4 aprile 2008, h 14 Ritrovo a Milano MXP per check in e partenza per la tanto attesa crociera in Arabia Saudita.
Come dice il Reste: “una settimana in comunità: No alcol (alcolici vietati), no sesso (fidanzata a Milano)”.
Pablo rimedia all’astinenza da cubalibre con una stecca completa di sigarette. Gli altri si rassegnano, sicuri che ne varrà davvero la pena.
La check dive a Danak conferma che i fondali dell’Arabia Saudita sono integri come quelli di Sharm più di venti anni fa: Meravigliosi! Le colonie di corallo sono rigogliose, fittissime e ospitano una varietà incredibile di pesci di barriera. I bufalo fish, i napoleoni, le tartarughe, gruppi di barracuda fanno compagnia ai sub durante le ultime fasi dell’immersione, prima di risalire in barca soddisfatti.

A Sha’ab Ammar capiamo subito che ci sarà da divertirsi. La prima fase dell’immersione è dedicata alla ricerca dei martello. Si, perché pinna bianca e grigi sono incontri di routine. I veri protagonisti dell’Arabia sono proprio gli squali martello che sembrano aspettare i subacquei nel blu per avvicinarsi quando meno se lo aspettano. Per tutti noi è adrenalina pura mentre per il Reste è cagotto vero. Tipo gamberetto impaurito e indifeso, il Reste piano piano si avvicina alla sua compagna, la temeraria Olga sperando che il martello si allontani. Risuonano nella loro testa le parole di Massimo: se gli squali si avvicinano, non scappate pinneggiando come dei disperati. State fermi e tranquilli. Vedrete che se ne andranno piano piano.

Dopo una puntatina nel blu risaliamo lungo la parete e ci dedichiamo alla vita del reef. Lo sguardo nel blu non deve mancare mai perché c’è sempre la possibilità di vedere qualche squaletto anche a pochi metri di profondità, soprattutto se c’è un po’ di correntina.

A rallegrare le nostre serate, le gag su Maurizio, il nostro Satiro Burlone perennemente alla ricerca dell’assetto perfetto. Anche lui con una pesata corretta, è stato svezzato e le immersioni in Arabia lo hanno trasformato in un buon subacqueo. Dopo quattro immersioni al giorno anche gli stacanovisti come il Gabo sono appagati e al termine di una settimana in barca, anche i lavoratori incalliti sono riusciti a staccare la spina e a godersi il mare senza le continue interruzioni del cellulare.
A rendere più difficile il rientro, la sosta all’incantevole isola di Abu Latt che ci conferma la bellezza di questo angolo del Mar Rosso anche fuori dall’acqua. Degno finale di una così ricca esperienza il saluto di uno squalo balena, riemerso poco distante dalla nostra barca sulla via del rientro.




A presto Mar Rosso!

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi