Biologia Marina

ALCIONACEI

Biologia
Nel dedalo di nomi e organismi appartenenti alla categoria dei cnidari, gli Alcionacei sono un ordine di Ottocoralli che costituisce colonie munite di struttura di sostegno molle, una sorta di scheletro idrostatico composto da tessuto molle e rinforzato da una rete di piccole spicolette calcaree, che permette alla colonia di essere ancorata al substrato duro e di proiettarsi verso l'acqua quando le circostanze sono favorevoli e i polipi della colonia si devono alimentare.

Profondità
Gli Alcionacei non hanno nettissime distribuzioni verticali, come nel caso di altri cnidari. Di norma non sono abbondanti nei primi metri d'acqua poichè dovrebbero competere per il substrato con le madrepore dure, ed essendo più legati alla circolazione delle acque la loro distribuzione, sia verticale che orizzontale, è più vincolata alla presenza di correnti e al conseguente flusso di plancton da esse trasportato. Gli Alcionacei sono infatti filtratori passivi, li troviamo di norma dove il gioco delle correnti assicura alle colonie momenti di importante alimentazione come quando la corrente monta e porta con sè plancton ecco che lo scheletro idrostatico si riempie d'acqua, la colonia si gonfia e i polipi disposti ai margini della colonia possono alimentarsi correttamente. Quando invece la corrente cala lo scheletro della colonia si sgonfia e i polipi non si alimentano più.  

Curiosità
Come molto spesso capita in natura vi sono delle eccezioni alla regola infatti, gli alcionacei di colore più scuro che di solito osserviamo in acque superficiali sono quelli che hanno evoluto endosimbiosi con delle microalghe; e poichè per vivere hanno bisogno di luce, la colonia di queste specie di Alcionacei non collassa su se stessa durante l'assenza di corrente, ma bensì si sgonfia e si piega verso il basso, lasciando in questo modo un'ampia superficie capace di far passare la luce alle microalghe presenti.

Avvicinamento e Osservazione
Ancorati al fondo, incapaci di muoversi o di rintanarsi è difficile non osservare questi animali (sempre che ci si trovi in un pezzo di reef le cui condizioni ambientali ne favoriscono l'insediamento e la crescita). Con la giusta calma, un occhio allenato e comunque nel massimo rispetto, si può passare da una osservazione di ambiente ad una osservazione del dettaglio, concentrandoci su quel microscopico universo di piccoli "coinquilini" che si nascondono tra i tentacoli dei polipi e che si mimetizzano sfruttando il colore degli alcionacei stessi: gamberetti quasi sconosciuti del genere Hippolithae, piccoli ghiozzi, granchi decoratori o piccoli ovulidi che a volte si nutrono dei polipi stessi della colonia.

Fotografare
I coralli molli sono tra i soggetti marini più fotografati nelle acque del Mar Rosso grazie alla loro bella colorazione brillante che offrirà all'immagine una splendida botta di colore. Quelli che noi chiamiamo volgarmente con il nome di alcionari e che tappezzano le pareti dei nostri reef, potranno diventare il soggetto principale delle nostre immagini ma anche solo una macchia di colore necessaria a riempire lo scatto. Particolare attenzione dovrà essere data alla corretta esposizione dato che capiterà di trovarci di fronte a soggetti di diversi colori in particolare alcuni esemplari di coralli molli dalle forti tonalità bianche affiancati ad altri dalle tonalità meno accese. In questo caso sarà importante compensare correttamente l'esposizione facendo attenzione ai bianchi che non risultino sovraesposti. Tutto questo considerando che se stiamo fotografando con un grandangolo, magari in controluce, sarà importante non perdere di vista anche il blu del mare. Per gli amanti della macro saranno innumerevoli gli spunti che ci offriranno i coralli molli per realizzare immagini altrettanto stimolanti. Piccoli animali che hanno costituito il loro habitat sui coralli molli saranno il soggetto principale dei nostri scatti mentre sullo sfondo i bei colori accesi degli alcionari faranno da quinta al soggetto principale.

Testi di biologia curati da Emilio Mancuso (I.S.M. Istituto per gli Studi sul Mare)

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi