Biologia Marina

ANTHIAS

Biologia
Cugini stretti delle cernie, quella degli Antinii è una sottofamiglia dei Serranidi comunemente chiamati cernie. Gli Anthias sono pesci di piccole dimensioni, planctivori, caratterizzati da colorazioni accese tendenti alle tonalità calde, pinne morbide e ben sviluppate con la caudale molto falcata.Gli Anthias sono ermafroditi proteroginici, ovvero nascono sempre e solo di sesso femminile, e alcuni di loro nel corso dello sviluppo all'interno del banco subiscono una metamorfosi sessuale diventando maschi.

Profondità
La colorazione calda delle loro livree è quella tipica degli organismi “sciafili” che non amano stare troppo sotto la luce diretta del sole, ma amanti della penombra. Non a caso gli Anthias vivono mediamente tra i 10 e i 15 metri a ridosso del pendio del reef, per stabilizzarsi fino a circa 60 metri di profondità, più proiettati verso il blu nel caso di corrente che porta cibo, oppure più vicini al reef intenti a nascondersi in situazioni di "acqua ferma" che non porta cibo verso il reef.

Curiosità
Le "cernie folletto" detti anche serrani folleto o “fairy basslets” come vengono chiamati in inglese, hanno una vita sociale relativamente dinamica: ogni maschio (cioè una femmina grande e ben sviluppata che ha poi subito metamorfosi per trasformarsi in maschio) possiede un harem composto da una dozzina o più femmine. E' possibile individuarli abbastanza facilmente perchè gli Anthias manifestano dimorfismo sessuale: i maschi sono tendenzialmente più grossi, con pinne più lunghe, livrea dai colori più accesi e con il primo raggio della pinna dorsale più sviluppato e più  lungo degli altri.

Avvicinamento e Osservazione
L'osservazione degli Anthias potrà avvenire concentrandosi sul singolo organismo, approfondendo le peculiarità di dimorfismo sessuale o  le eleganti livree oppure, allontanarsi dal reef per averne una visione di insieme. Ci si potrà concentrare sulla visione dei vari harem che si susseguono lungo la parete del reef, osservando le dinamiche sociali di questi pesci oppure semplicemente godendo della sensazione di dinamismo e vitalità mentre si muovono frenetici formando una sorta di nuvola arancione che riveste la barriera corallina.

Fotografare
La peculiarità degli Anthias sta nella massa di esemplari che vivono compatti, nella loro bella colorazione arancione e poi nello straordinario ambiente corallino nel quale si incontrano per la maggior parte delle occasioni.Per ottenere una buona immagine sarà importante contestualizzarli nell'ambiente nel quale vivono dando risalto anche alla zona madreporica generalmente più buia rispetto ai colori vividi degli Anthias. Dovremo individuare una zona ben illuminata dalla luce del sole in modo da sfruttare al meglio la luce esterna, attendere il momento migliore quando tutti i pesci nuotano compatti intorno al corallo e scattare quando tutti insieme formeranno quella meravigliosa nuvola arancione che fluttua nel blu a poca distanza dalla barriera. L'obiettivo più idoneo è sicuramente il grandangolo che ci permetterà di  inquadrare la massa di piccoli pesci rossi e il corallo sfruttando magari anche il controluce. Non siate precipitosi nello scatto anche perchè non è facile ottenere una bella immagine nonostante vi siano tutti i presupposti. Sarà importantissimo attendere pazientemente sino a quando pesci, ambiente e luce avranno trovato il loro perfetto equilibrio cromatico e scenografico. La luce del flash servirà per illuminare la scena nel suo complesso e quindi il soggetto principale che sarà il gruppo dei pesci ma anche la scenografia in secondo piano. Per fare tutto ciò, nel caso in cui disponiate di un flash staccato dal corpo macchina, sarà necessario tenerlo ben distante in modo da illuminare tutta la scena.

Testo di biologia curato da Emilio Mancuso (I.S.M. Istituto per gli Studi sul Mare)

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi