Immersioni

Mudarr nord
Distanza dalla Costa 48 miglia
Corrente media probabilità
Sito Esterno reef affiorante isolato
Visibilità Media da media a buona
Sito Sommerso pianoro medio - circolare
Difficoltà Media media – impegnativa
Inizio Immersione pianoro madreporico
Interesse pelagico, gorgonie, spugne, grotte
Versante nord
Pelagici squali grigi, martello, barracuda, carangidi
Profondità media e max da 25 a 40 metri
Notturna no
Ora Migliore ore centrali – pomeriggio
Snorkelling no

DESCRIZIONE GENERALE
Posizionato tra l’isola di Danak a nord e quella di Jabbara a sud, il reef di Mudharr si presenta come una estesa conformazione madreporica di forma allungata esposta nord sud, all’interno della quale si trova una piccola isola sabbiosa in formazione. Un folto branco di delfini stenelle viene spesso avvistato a ridosso di uno dei due versanti maggiormente esposti alla corrente di superficie.

PIANO IMMERSIONE
Scendendo sul pianoro esposto a nord a -35 metri, si incontrano conformazioni madreporiche isolate intervallate da canali di sabbia chiara che poggiano su un ampio spiazzo relativamente spoglio. I versanti esterni sono delimitati da una cigliata madreporica di notevoli dimensioni che risale fino a -25 metri rivestita di madreporari molli che contorna tutto il bordo esterno. Uno stretto canale sabbioso tra due evidenti blocchi corallini, conduce direttamente sul drop off, tappezzato da gorgoniacei a ventaglio e a frusta, che cade verticale fino a -57 metri. In questo punto la parete forma un ampio sperone e sotto, appoggiato sul fondo a circa -75 metri, si trova un masso isolato ricoperto da gorgoniacei a frusta. Nei giorni in cui la corrente batte sulla punta, sono sempre presenti banchi di barracuda e carangidi. In profondità, a ridosso del masso si possono avvistare esemplari di squali grigi e squali seta ma la vera sorpresa può venire dal blu dove compariranno gli squali martello. Una volta terminato il tempo in profondità, si risale lungo la parete esterna ricoperta da ventagli di gorgonie e grosse formazioni di spugne fino a raggiungere il canale che permette di oltrepassare la cintura madreporica, attraversare il pianoro per riportarsi direttamente sulla parete principale dove si prosegue l’immersione lungo il versante est che cade verticale ed è interrotta di tanto in tanto da profonde spaccature che si insinuano all’interno formando ampie grotte. La moltitudine di gorgonie osservate prima, lascia qui posto a soffici e coloratissimi alcionacei. Interessante anche il top del reef di superficie che, in pochi metri d’acqua permette di osservare la ricca vita marina.

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi