Immersioni

Abu Galawa
Distanza dalla Costa 4 miglia
Corrente media probabilità
Sito Esterno reef affiorante
Visibilità Media da buona a ottima
Sito Sommerso pianoro medio - allungato
Difficoltà Media media
Inizio Immersione parete madreporica
Interesse nvertebrati, coralli molli, gorgonie, madrepore
Versante est
Pelagici barracuda, carangidi
Profondità media e max da 15 a 25 metri
Notturna no
Ora Migliore mattino
Snorkelling si all’ormeggio

DESCRIZIONE GENERALE
Sha’ab abu Galawa è situato 30 minuti a est da El Gouna. La zona d’immersione è posta lungo il versante meridionale dell’esteso reef. La discesa avverrà in movimento entrando in acqua sul lato orientale della barriera, per poi procedere in favore di corrente e riemergere nelle tranquille acque del versante sud dove la barca ormeggiata attende i subacquei. La barriera è costituita da una parete che scende oltre a 50 metri, intervallata da ampi terrazzi.

PIANO IMMERSIONE
La parete si presenta sin dai primi metri ricca di corallo e di interessanti fenditure che, partendo dalla superficie del reef, scendono verticali per diversi metri. Durante l’osservazione degli anfratti si potranno incontrare varietà di tipici pesci corallini. Raggiunta la profondità di -14 metri si apre sotto di noi il primo plateau corallino dal quale s’innalzano alcune torri madreporiche ricoperte di alcionari, coralli molli e gorgonie, mentre la base del pianoro è rivestita da acropora ad ombrello. Spostandoci verso sud si raggiunge il margine estremo del plateau dove il reef riprende a cadere per una decina di metri per riformare subito dopo, a -25 metri di profondità, un secondo gradino che si allarga nel blu. Lungo la parete, fin dai primi metri, osserveremo alcune cavità al cui interno sostano cernie, pterois radiata e grugnitori. Altro affascinante aspetto è costituito dai ventagli delle gorgonie e dai lunghi rami di corallo nero che, dopo i -20 metri, incominciano ad essere numerosi. Dal margine esterno del secondo terrazzo ci si affaccia direttamente sulla caduta verticale dove la vita della barriera assume toni più intensi. La corrente potrà essere a volte anche intensa ma, proprio in questi casi si assiste allo spettacolo dei fitti branchi di pesce pelagico che, approfittando del nutrimento abbondante, si spingono ai bordi del reef. Non è necessario effettuare un’immersione profonda, giacché entro i primi 28 metri si possono ammirare le forme di vita più interessanti: ogni più piccolo spazio è, infatti, ricco di piccoli organismi da osservare attentamente avendo l’accortezza di sostare qualche minuto per coglierne le dinamiche biologiche. Talvolta si ha anche la fortuna di incontrare i branchi di barracuda.

Esplora, Viaggia e Naviga con Noi